IP statico per il PC collegato ad un Router

Se per la vostra connessione internet utilizzate un router, potrebbe, in molti casi, essere necessario impostare un IP statico per uno (o più) dei vostri computer, ad esempio: “per ottimizzare il funzionamento di programmi P2P, attivare un server ftp o http accessibile da remoto, ecc.”.
La procedura da seguire è relativamente semplice. Decidete se volete lasciare attivo il server DHCP del router per gli altri PC della vostra rete ed in questo caso inserite il pool necessario a tale scopo.
Molti router sono impostati per fornire, 253 indirizzi es: pool da 192.168.1.2 a 192.168.1.254, in questo caso bisogna ridurre tale range, sprecato nella maggior parte dei casi. Chi ha più di 50 computer in rete, non usa una “normale linea ADSL” ed un solo router domestico per condividere indirizzi IP ed internet (e se lo fa deve veramente avere un buon ..??? smiley-surprised  “motivo”).
Normalmente ha senso lasciare al vostro router la possibilità di fornire 4, 5 o 10 indirizzi IP (oppure zero se il vostro router è anche wireless e volete aumentare la sua sicurezza).
Fig. 1
 Fig. 1
 

In Pratica.
Nel router bisogna individuare la pagina (se il vostro router è configurabile tramite interfaccia web) delle impostazioni LAN e quindi la parte dedicata al server DHCP (vedi fig. 1). Qui impostate un range minimo di indirizzi (es.: 192.168.1.100 – 192.168.1.105). Potrebbe anche essere necessario inserire manualmente i due DNS forniti dal provider.
Sul PC aprite il pannello di controllo (menu Start → Pannello di controllo) e cliccate due volte su “Connessioni di rete”, cliccate con il tasto destro su “Connessione alla rele locale (LAN)” o su “Connessione rete senza fili” (a seconda del tipo di connessione tra il vostro router ed il PC) e selezionate proprietà. Nella scheda “Generale” (vedi fig. 2) cliccate due volte su “Protocollo Internet (TCP/IP)”, come in figura 3, selezionate “Utilizza il seguente indirizzo IP” ed inserite i parametri adeguati. E' essenziale inserire anche i DNS primario e secondario.
 
Fig. 2
 Fig. 2
 
Fig. 3
 Fig. 3
Il gioco è fatto, adesso il vostro PC ha un indirizzo statico che rimarrà uguale anche dopo il riavvio,  o accendendolo dopo gli altri che compongono la vostra rete. Questo vi consentirà di impostare le regole opportune per i servizi da associare al PC in questione  come Virtual Server nel NAT o nel Firewall.

Le indicazioni sono riferite a PC con sistema operativo Windows XP ma valgono anche per Vista con qualche piccola variazione.
 

Ricordiamo che tutti i marchi citati in questo come in altri articoli appartengono ai rispettivi proprietari.

 
 
Categoria: /